5 casi di governi che hanno abbracciato le criptovalute nel 2022

Nel 2022  le monete virtuali scrivono la storia: cinque casi di governi che hanno abbracciato le criptovalute. Nonostante il crollo del mercato, alcuni funzionari governativi hanno avuto il coraggio di abbracciare l’innovazione. Piccola parentesi per quanto riguarda il nostro paese: con la nuova legge di bilancio, l’Italia decide di regolamentare le crypto.

Infatti con l’approvazione della nuova legge di bilancio, le plusvalenze devono essere annoverate tra i Redditi Diversi. Se ti interessa approfondire, abbiamo dedicato a questo argomento uno spazio all’interno del blog. 

Tornando a noi, come tutti sappiamo, la reputazione delle criptovalute ha vacillato in questo  2022. Alcuni hanno semplicemente continuato a mostrare progressi in questo settore (Emirati Arabi Uniti e El Salvador). Ma altri funzionari li vediamo per la prima volta su questo scenario (Regno Unito,  Brasile e Repubblica Centrafricana).

1.Brasile: un quadro normativo per le criptovalute

Tra i governi che hanno abbracciato le criptovalute, troviamo il Brasile come new entry. Infatti, il 2021 è stato un anno di adozione di massa in questo paese, ma a scrivere la storia è stato il 2022.

Durante quest’ultimo anno, il paese ha ottenuto il proprio quadro normativo. Jair Bolsonaro, l’ex presidente del Brasile, ha infatti firmato un disegno di legge. Tale normativa è volta alla legalizzazione delle crypto come metodo di pagamento a tutti gli effetti. Questo nuovo disegno di legge,  stabilisce un regime di licenza per i fornitori di servizi di risorse virtuali. 

Il numero di società detentrici di criptovalute in Brasile ha raggiunto nuovi record. 12.053 organizzazioni registrate, nel dichiarare criptovalute nel bilancio di agosto 2022.

2.Governi che abbracciano le criptovalute: Emirati Arabi Uniti

Gli Emirati Arabi Uniti hanno dimostrato di essere uno dei leader mondiali nell’adozione delle criptovalute

Essi infatti, sono stati tra i primi paesi a promuovere l’adozione delle criptovalute. Grazie alla loro strategia, hanno l’obiettivo di creare un ambiente normativo attraente per i nuovi investitori globali.

Dubai, nel mese di marzo, ha stabilito un quadro giuridico per proteggere gli investitori e stabilire standard internazionali rigorosi per la governance del settore. 

Tutto questo con la creazione di una nuova Dubai Virtual Asset Regulatory Authority (VARA).

Inoltre, Dubai ha lanciato la sua strategia di Dubai Metaverse. Con l’obiettivo di diventare una delle prime 10 economie metaverse del mondo. Tutto attraverso la collaborazione di ricerca e sviluppo e l’utilizzo di acceleratori e incubatori per attrarre aziende e progetti dall’estero.

L’emirato ha persino aperto la sua prima città in Metaverse, Sharjahverse. Quest’ultima supporterà l’industria del turismo e potenzialmente creerà nuovi posti di lavoro nel metaverso. 

Abu Dhabi, ha invece presentato delle raccomandazioni per il commercio di NFT. Classificando gli NFT, come proprietà intellettuale. Perciò permettendo a strutture commerciali multilaterali e custodi di attività virtuali di gestire i mercati NFT.

Gli Emirati Arabi Uniti sono senza dubbio un esempio di come un governo può abbracciare le criptovalute e creare opportunità per il futuro.

3.El Salvador: il primo tra i governi che hanno abbracciato le criptovalute

El Salvador è stata la prima nazione al mondo, a rendere legale l’uso delle criptovalute come metodo di pagamento.

Tra il 2021 e il 2022 il presidente Nayib Bukele si è mosso per rendere Bitcoin moneta a corso legale. Grazie a questo nel 2021 l’adozione di Bitcoin è aumentata del 30%. Inoltre all’inizio del 2022 il 20% delle aziende, ha iniziato ad accettare BTC come metodo di pagamento. 

4.Il Regno Unito: un quadro normativo solido per le criptovalute

La Gran Bretagna ha avuto un anno difficile nel 2022. Con la morte della regina Elisabetta II, dopo 70 anni di servizio e due dimissioni di primi ministri. Tuttavia, quando si tratta di criptovalute, il governo ha continuato a lavorare sulla regolamentazione. 

A luglio, è stata riconfermata l’intenzione di diventare un hub globale di criptovaluta. Il Regno Unito ha infatti ampliato le normative sulle stablecoin, coniando un nuovo termine. DSA ovvero Digital Settlement Assets. Il disegno di legge ha l’obiettivo di proteggere i consumatori e combattere il riciclaggio di denaro.

Altra novità incredibile per il Regno Unito e legata al Web3. Gli NFT sono adesso considerati: proprietà privata. Decisione stabilita dall’Alta Corte di Giustizia di Londra, ciò di più vicino alla Corte Suprema degli Stati Uniti.

5.La Repubblica Centrafricana: tra i governi che hanno abbracciato le criptovalute nel 2022

Il governo della Repubblica Centrafricana è stata la prima nazione del continente, a riconoscere le criptovalute come valuta legale. Perciò consentendo alle persone, di utilizzarle per gli scambi commerciali e per i pagamenti.

C’era inoltre l’idea di consentire l’acquisto della cittadinanza per 60.000$ di Sango Coins. Tuttavia, a causa della sua linea incostituzionale, il tribunale superiore della CAR l’ha subito bloccata. 

Conclusioni

Il 2022 ha segnato molti cambiamenti nel settore delle criptovalute. Nonostante gli alti e bassi e le varie problematiche di mercato, diversi governi hanno abbracciato le criptovalute. Questo porterà sicuramente ulteriori cambiamenti nei prossimi anni.

Se ti interessa il mondo degli investimenti legati alla blockchain, o degli investimenti in generale, entra subito nella community di Investhero, dove potrai trovare tanti altri contenuti interessanti.



Stefano Picchio on EmailStefano Picchio on FacebookStefano Picchio on InstagramStefano Picchio on Youtube
Stefano Picchio
Imprenditore digitale
Tutto è iniziato nel 2013, momento in cui mi sono interessato al mondo dell'online.
In quegli anni facendo piccoli investimenti di natura finanziaria. Successivamente ho scoperto altri settori di investimento fino a conoscere ed appassionarmi di imprenditoria e digital marketing.
Ora ho uno smart-team di 11 collaboratori sparsi in giro per il mondo con i quali gestisco le mie 3 aziende.

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *