Defi: che co’è la finanza decentralizzata

La DeFi, Decentralized Finance, tradotto semplicemente finanza decentralizzata, è l’organizzazione di servizi finanziari che operano su blockchain, senza una centralizzazione e senza una gerarchia come capita nei sistemi finanziari centralizzati

Parte rilevante di questo tipo di progetti sono gli automatismi che permettono di eseguire le transazioni senza interventi esterni, spesso basandosi su strumenti come gli smart contract possibili grazie alla tecnologia Blockchain.

Nonostante il settore sia relativamente nuovo, oggi è già comunque in grado di offrire numerosi servizi, anche diversi tra loro.

Forte è, inoltre, l’integrazione tra diversi progetti e la vivacità con la quale ne nascono di nuovi.

Un mondo finanziario e tecnologico in costante fermento, in grado di attirare oggi tanto chi investe quanto chi, invece, è attirato dalla tecnologia in quanto tale.

Entrare ora in questo segmento, sia investendo, sia utilizzando direttamente i servizi, può essere probabilmente molto intrigante e proficuo.

Cos’è la DeFi

La DeFi si può considerare come un nuovo movimento, fortemente basato sul mondo delle criptovalute, che punta ad avere servizi finanziari senza l’intermediazione del sistema finanziario classico.

In larghissima parte questo sistema punta a reggersi sulle criptovalute e sulle blockchain che supportano gli smart contract.

Le applicazioni nell’ambito DeFi sono già tantissime: dallo scambio di asset digitalizzati, fino allo scambio di token, passando per prestiti a esecuzione automatica ed assicurazioni.

Il settore, comunque, è ancora agli stadi primordiali del suo sviluppo e parlare oggi delle possibilità future di questo settore è praticamente fantascienza, perché quello che vediamo adesso sul mercato era inconcepibile soltanto pochi mesi fa.

Un settore in enorme fermento, all’interno del quale possiamo trovare token e progetti molto diversi tra loro, con una caratteristica in comune: replicare i servizi forniti da banche, scambi e borse senza intermediari, basando tutto sulla forza della blockchain e degli smart contract.

Come funziona

Molto di quello che dovremmo sapere è già nel nome: la finanza decentralizzata punta a offrire supporto infrastrutturale tramite blockchain.

Ci sono diversi aspetti che possono riguardare la decentralizzazione e andranno evidenziati singolarmente, per capire sia la portata del fenomeno, sia invece le possibilità delle sue applicazioni.

Scambio di valori

Con scambio di valori si intende, molto banalmente, i pagamenti.

Sotto questo aspetto, potrebbe essere contestata la questione delle prime criptovalute, che non sono state mai considerate come DeFi ma che offrono comunque uno scambio di valore.

In realtà, però, i progetti più nuovi, che puntano ad affermarsi in questa specifica nicchia, offrono qualcosa di più rispetto alle cripto di vecchia generazione, ovvero la possibilità di integrazione con altre blockchain, direttamente o tramite altre blockchain di collegamento, che potrebbero offrire servizi correlati a quelli di pagamento.

Esecuzione dei contratti

Parliamo degli smart contract, una sorta di algoritmo con un contratto all’interno, che è in grado di andare in esecuzione ogni qualvolta le condizioni giuste si siano verificate.

Gli smart contract sono una realtà che esiste da diversi anni. Ma, nonostante ciò, è negli ultimi 2 anni che hanno cominciato a prendere piede anche per utilizzi concreti.

Sono molto popolari anche per la creazione di exchange decentralizzati, che hanno il grande pregio di essere più rapidi, meno costosi e più sicuri.

Dati per i contratti

Ci sono diverse blockchain che si occupano di fornire un altro aspetto fondamentale dell’economia e della finanza decentralizzate, ovvero i dati.

Infatti, gli smart contract possono avere un’esecuzione automatica, oggi, basata anche su dati che arrivano dall’esterno del mondo della blockchain.

Ci sono diversi progetti che si occupano di fornire ad altre blockchain o progetti dei dati affidabili, principalmente per l’utilizzo nelle app decentralizzate e nei contratti.

Prestiti e depositi remunerati

Uno dei mondi più vivaci della Finanza Decentralizzata sono i sistemi che permettono di prendere in prestito e ottenere in prestito, in genere, criptovalute di nuova generazione e stable coin che sono invece ancorati al valore di una valuta classica.

Ci sono moltissimi progetti interessanti sotto questo specifico aspetto che permettono alle persone di avere da un lato liquidità per i propri progetti, dall’altro di essere remunerati per il fatto di avere depositato delle somme.

L’importanza della blockchain

La maggior parte dei progetti DeFi gira su sistemi di blockchain o comunque affini.

È uno dei punti fondamentali di questo movimento e gruppo di innovazioni. La blockchain e gli algoritmi che la governano garantiscono la possibilità di avere scambi sicuri senza che ci siano istituzioni di mezzo.

Vale la pena ricordare che la blockchain è utile anche perché, talvolta, permette di risalire alle diverse transazioni e offrire, inoltre, un certo livello di trasparenza.

Non è, però, sempre detto che possa garantire orizzontalità perché siamo davanti a un sistema che può essere implementato anche utilizzando dei supernodi che tutto sommato svolgono un ruolo preminente.

La finanza così organizzata rimane però sempre decentralizzata, perché appunto può garantire l’assenza di monopolio da parte di nodi e settori.

Se ti interessa approfondire ulteriormente l’argomento delle criptovalute o ti interessa il mondo degli investimenti in generale, allora entra nella community di Investhero, dove potrai trovare altri investitori del settore e non solo.

 

Stefano Picchio on EmailStefano Picchio on FacebookStefano Picchio on InstagramStefano Picchio on Youtube
Stefano Picchio
Imprenditore digitale
Tutto è iniziato nel 2013, momento in cui mi sono interessato al mondo dell'online.
In quegli anni facendo piccoli investimenti di natura finanziaria. Successivamente ho scoperto altri settori di investimento fino a conoscere ed appassionarmi di imprenditoria e digital marketing.
Ora ho uno smart-team di 11 collaboratori sparsi in giro per il mondo con i quali gestisco le mie 3 aziende.

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *