Interesse composto e semplice: la Differenza spiegato in modo facile

Hai poca familiarità con il calcolo degli interessi? Ti chiedi quale sia la differenza tra interesse composto e semplice? Se la risposta ad entrambe le domande è: “SI”, questo articolo è ciò che ti serve! 

Oggi vogliamo esplorare in modo chiaro e comprensibile come funzionano gli interessi. Ma anche come il tuo denaro può crescere nel tempo grazie ad essi.

Comprendere la distinzione tra interesse composto e semplice, è cruciale per prendere decisioni informate sul proprio futuro. Soprattutto in campo di investimenti e pianificazione della previdenza.

Cosa stiamo aspettando? Non perdiamo altro tempo ed iniziamo subito!

Qual è il procedimento per calcolare gli interessi? 

Siccome l’obiettivo è fornire una spiegazione che sia commestibile per chiunque, partiamo dall’inizio. 

Il tasso di interesse rappresenta il rendimento del denaro investito. Ovvero quanto un certo ammontare di denaro guadagna, nel corso di un determinato periodo.

Quindi, nel calcolo degli interessi, entrano in gioco tre componenti essenziali:

  • Capitale
  • Tasso di interesse: solitamente espresso in percentuale
  • Periodo di tempo.

Nota bene: è fondamentale avere familiarità con il tasso di interesse e il metodo di calcolo ogni volta che si considera un investimento o un finanziamento. Perciò, queste informazioni ci servono, quando decidiamo di impiegare i nostri risparmi o assumere un impegno finanziario per qualsiasi ragione.

Detto ciò, è opportuno sapere che il calcolo degli interessi varia in base al regime di capitalizzazione, che può essere:

  • Semplice;
  • Composto.

La differenza tra queste due modalità di calcolo, come esploreremo, è di fondamentale importanza. Vediamo perché…

Calcolo dell’Interesse Semplice

Per determinare l’interesse semplice, sono necessari i tre elementi menzionati in precedenza. Ovvero: il capitale totale, il tasso di interesse e il periodo di tempo durante il quale il capitale è stato prestato. Esaminiamo i dettagli facendo un esempio::

  • Capitale: quando si tratta di investimenti, il capitale totale su cui viene calcolato l’interesse semplice è l’intero importo che è stato investito.
  • Tasso di interesse: rappresenta la percentuale applicata al capitale investito per determinare il suo rendimento. Ad esempio, nel caso degli investimenti in obbligazioni, il tasso di interesse è rappresentato dalla percentuale annuale, che verrà corrisposta sulla somma prestata all’emittente (sia esso lo Stato o un’impresa).
  • Tempo: indica la durata totale del prestito o dell’investimento.

Con questi tre dati, è possibile calcolare autonomamente l’interesse semplice che si riceverà in caso di investimento o si pagherà in caso di finanziamento.

Per rendere questa spiegazione più semplice possibile, dobbiamo rinominare i vari elementi coinvolti in modo pratico:

  • Capitale (C)
  • Tasso di interesse (R)
  • Tempo (T)

Ora siamo pronti per vedere la formula per il calcolo dell’interesse semplice:

I=C×R×T

Per facilitare ulteriormente il calcolo, è importante sapere che il tasso di interesse, che di solito è espresso come una percentuale, può essere inserito nella formula come un numero decimale. 

Ad esempio, se il tasso è del 3%, può essere inserito come 0,03; mentre se è del 4,5%, può essere indicato come 0,045.

Calcolo dell’Interesse Composto

Ora che abbiamo compreso il metodo di calcolo dell’interesse semplice, possiamo introdurre un elemento di maggior complessità. Non preoccuparti sembrerà difficile, ma non lo è!

Resta con me, procediamo passo dopo passo e tutto ti sarà più chiaro.

La distinzione fondamentale tra interesse semplice e interesse composto è che gli interessi maturati alla fine di ogni periodo di capitalizzazione (che, per semplicità, considereremo pari a un anno) vengono aggiunti al capitale originale. Successivamente, gli interessi vengono calcolati su questa somma aumentata per i periodi successivi.

Di conseguenza, ogni anno il capitale si incrementa e, di conseguenza, anche gli interessi si calcolano su un capitale che è diverso e maggiore rispetto a quello dell’anno precedente.

Per illustrare la formula per il calcolo dell’interesse composto, facciamo riferimento ai nostri simboli standard più uno extra:

    • Capitale (C)
    • Tasso di interesse (r)
    • Tempo (t)
  • Montante (M)

La novità qui è la lettera “M”, che rappresenta il montante. Ovvero il valore del capitale che è stato rivalutato, tenendo conto degli interessi maturati.

Ecco la nostra formula:

M=C×(1+r)t

Con l’interesse composto, non avremo interessi proporzionali al capitale iniziale. Al contrario, vedremo una crescita esponenziale. Questo perché, il tempo non è un semplice moltiplicatore, ma rappresenta un valore esponenziale nella nostra formula.

Fondo Pensione e Capitalizzazione Composta

Adesso che abbiamo chiarito come calcolare l’interesse composto e semplice, prima di salutarci, apriamo una piccola parentesi sui fondi pensione

Se ben ricordi all’inizio abbiamo detto che avere queste informazioni ci torna utile negli investimenti ma anche nella pianificazione della previdenza.

Infatti, anche nei contesti di previdenza complementare, come ad esempio nei fondi pensione, si applica il principio della capitalizzazione.

Periodicamente, agli importi versati dal lavoratore e dal datore di lavoro vengono aggiunti i rendimenti ottenuti, al netto di commissioni e imposte, e ciò costituisce la base di calcolo per i periodi successivi.

Questo implica che quanto prima si aderisce a un fondo pensione, tanto minore sarà l’ammontare necessario da versare periodicamente, per raggiungere gli obiettivi in termini di pensione integrativa.

Infatti, la capitalizzazione composta, combinata con un ampio orizzonte temporale, facilita l’accumulo del montante desiderato per l’iscritto al fondo.

In sostanza, maggiore è il tempo a disposizione, minore sarà l’importo da riservare periodicamente per raggiungere l’obiettivo di pensione integrativa desiderato. Di conseguenza, lo sforzo finanziario diventa molto più gestibile. Persino per coloro che dispongono di risorse limitate da dedicare alla previdenza complementare.

Conclusione

In conclusione, la comprensione della differenza tra interesse semplice e composto è fondamentale, per prendere decisioni consapevoli riguardo agli investimenti e alla propria previdenza. 

Nei fondi pensione, l’applicazione della capitalizzazione composta offre vantaggi significativi. Ciò, consente un accumulo più efficiente del montante desiderato nel tempo. 

Grazie a questa strategia, anche coloro che dispongono di risorse finanziarie limitate, possono avvicinarsi ai propri obiettivi pensionistici in modo più sostenibile.

Potrebbe interessarti anche: cassetto previdenziale per aziende e consulenti.

Se ti è stato utile questo articolo, faccelo sapere nei commenti qui sotto.

Per altri contenuti, invece, entra nella community gratuita di Investhero. Qui potrai trovare: imprenditori, liberi professionisti e investitori con cui poter espandere il tuo network.



Alessandro Del Saggio on EmailAlessandro Del Saggio on FacebookAlessandro Del Saggio on InstagramAlessandro Del Saggio on Youtube
Alessandro Del Saggio
Smart Investor
Investitore, Trader indipendente, formatore e ricercatore grafico dal 2014.
Da sempre appassionato di investimenti e business, credo fortemente nella crescita personale e nel dare sempre il meglio di sè.
In questi anni ho investito in oltre 23 settori differenti e 6 nazioni.

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *