Print on Demand: come funziona e quanto si guadagna

Il Print on Demand rappresenta una soluzione ideale per chi si occupa di:

  • Creare contenuti su piattaforme come YouTube
  • Content Creator e influencer 
  • Coloro che desiderano monetizzare il proprio lavoro

Offre la possibilità di selezionare tra una vasta gamma di gadget, come ad esempio portachiavi personalizzati. Con lo scopo di comunicare al meglio l’identità del proprio personal brand.

Inoltre, il Print on Demand si configura come un metodo economico per avviare un business redditizio. Poiché consente di minimizzare i costi iniziali e di concentrarsi sulla creazione di prodotti personalizzati di alta qualità.

Che cos’è il Print on Demand

Come abbiamo appena visto, il Print on Demand, anche definito POD, può essere una soluzione per: 

  1. Ottenere un reddito extra 
  2. Avviare un vero e proprio business. 

Ora però, vediamo nel dettaglio di cosa si tratta. 

Il Print on Demand è un modello di business, che consente la produzione e la vendita di prodotti personalizzati. 

Ma sai qual è la parte davvero interessante? È possibile fare tutto ciò, senza necessariamente dover creare stock o effettuare investimenti massicci in anticipo. 

Il “Print on Demand” altro non è che “stampa su richiesta”.

Il processo è sorprendentemente semplice ed efficiente

Come funziona il POD

E ora, esploriamo insieme il funzionamento del Print on Demand. Un affascinante approccio che trasforma il concetto di produzione e vendita di prodotti personalizzati. 

Si inizia creando il proprio design unico, per i prodotti che si desidera vendere. Potrebbe essere: 

  • un’illustrazione accattivante, 
  • uno slogan creativo,
  • la rappresentazione del vostro stile distintivo. 

Una volta pronto, bisogna caricare il design sulla piattaforma di Print on Demand scelta. Tale piattaforma solitamente offre una vasta gamma di prodotti personalizzabili, dai cuscini alle tazze, alle magliette e molto altro ancora.

Quando un cliente effettua un ordine sul vostro negozio online, entra in azione la magia del Print on Demand. La piattaforma si occupa della stampa del vostro design sul prodotto scelto, assicurando un risultato di qualità eccellente

Dopo la stampa, il prodotto viene accuratamente imballato e spedito direttamente al cliente. Questo processo, consente di eliminare il processo di gestione stock o spedizioni

Con il POD, il vostro prodotto, non viene effettivamente prodotto, fino al momento in cui un cliente effettua un ordine. In sostanza, finché non vendi qualcosa, non esiste un prodotto fisico.

Questo processo coinvolge tre figure chiave:

  1. Il CREATOR: tu, che crei il design o la trama e selezioni il prodotto su cui verrà stampato.
  2. Il SUPPLIER: la piattaforma o azienda online, che si occupa della produzione fisica e della spedizione del prodotto.
  3. Il CLIENTE: che comodamente da casa compra prodotti personalizzati fantastici. 

Prima del Print on Demand, si usava realizzare le grafiche e preparare un magazzino di prodotti pronti per la spedizione. Questo sistema tradizionale, come puoi immaginare, era più rischioso e più dispendioso. Alcune domande che prima ci avrebbero recato stress e preoccupazione, come: 

  • chi comprerà questo prodotto? 
  • quante vendite riuscirò a fare? 

Con il Print on Demand, invece, si produce solo ciò che è già stato venduto. Perciò garantisce una gestione più efficiente e sostenibile del vostro business creativo.

print on demand: scelta di una t-shirt su un e-commerce

Quanto si guadagna con il Print on Demand?

Ed eccoci alla fatidica domanda: Ma quanto si guadagna con il POD?

Il profitto derivante dalle vendite dipende dalla determinazione del prezzo finale del prodotto e dal costo del fornitore. 

Ecco un esempio per intenderci meglio. Vendi magliette personalizzate. Se queste magliette vengono vendute a 50€ e acquistate a 7€, il margine sarà di 43€

Naturalmente, a questa cifra occorre sottrarre i costi relativi alla promozione e alla gestione del servizio clienti dopo la vendita. Nel caso in cui si abbia già un proprio pubblico, ottenere un margine più elevato può risultare più agevole. Inoltre, gestire in autonomia i servizi complementari, potrebbe rappresentare un modo per risparmiare, almeno in una fase iniziale.

È di fondamentale importanza resistere alla tentazione di optare per un fornitore a basso costo con l’obiettivo di aumentare i ricavi. È cruciale considerare che un prodotto di qualità inferiore potrebbe deludere i clienti che hanno fiducia nel creatore, compromettendo l’immagine del personal brand. 

La credibilità è un aspetto essenziale, e le possibili perdite legate a una reputazione negativa possono rendere la situazione estremamente difficile.

È pertanto di vitale importanza fare una scelta oculata nel selezionare il produttore giusto. Poiché questo può avere un impatto significativo sul successo complessivo dell’attività di print on demand.

Conclusione

In sintesi, il Print on Demand, o POD, rappresenta la vendita di prodotti personalizzati senza doverli immagazzinare. Con un investimento iniziale notevolmente ridotto. 

Grazie a questa modalità, alcune attività non necessitano dell’intervento diretto del gestore dell’attività e possono essere affidate a esperti del settore. Questo consente di concentrare le energie su aspetti cruciali del business, come ad esempio il marketing. Semplificando il processo e consentendo una maggiore focalizzazione sugli elementi chiave del successo.

Dunque il Print on Demand può essere un ottimo modo per ottenere un guadagno extra o per sviluppare un vero e proprio business redditizio. Tuttavia se cerchi un business alternativo e non sei abile nel realizzare grafiche, ma ami scrivere. Forse potrebbe interessarti questo articolo sul Self Publishing

Se invece, ti stai guardando intorno per comprendere quale business si adatta maggiormente ai tuoi interessi, ti consiglio diverse letture di business online, all’interno del blog per esplorare le tue differenti possibilità. 

Se sei alla ricerca del tuo equilibrio, e vuoi essere aiutato e affiancato nel tuo percorso di crescita nel mondo degli investimenti e dell’imprenditoria, entra nella nostra community privata!

 

Stefano Picchio on EmailStefano Picchio on FacebookStefano Picchio on InstagramStefano Picchio on Youtube
Stefano Picchio
Imprenditore digitale
Tutto è iniziato nel 2013, momento in cui mi sono interessato al mondo dell'online.
In quegli anni facendo piccoli investimenti di natura finanziaria. Successivamente ho scoperto altri settori di investimento fino a conoscere ed appassionarmi di imprenditoria e digital marketing.
Ora ho uno smart-team di 11 collaboratori sparsi in giro per il mondo con i quali gestisco le mie 3 aziende.

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *