Scalare un’attività fisica: una procedura standard per aumentare il fatturato

Se sei un imprenditore con un’attività avviata, se ancora non hai aperto il tuo primo locale ma già pensi a come farlo decollare oppure se ti stai chiedendo come alcuni brand abbiano avuto successo in mercati spesso molto competitivi, sei nel posto giusto per capire come scalare un’attività fisica e far crescere la tua azienda.

Nel precedente articolo ti abbiamo fatto vedere quali sono i punti fondamentali per aprire un’attività fisica, le figure che non possono mancare e le peculiarità a cui devi fare attenzione. Ma una volta aperta e avviata un’attività, una volta superato il break even point, cosa si può fare?

Riprendiamo l’esempio della pizzeria. Ipotizziamo che tu abbia eseguito tutto alla perfezione, il business plan è stato redatto professionalmente, hai curato il marketing e la promozione in maniera corretta, ti sei diversificato nel mercato offrendo un’esperienza nel tuo locale che piace molto ai tuoi clienti, insomma, gli affari vanno bene, cosa puoi fare per farli andare ancora meglio?

Trattandosi di un’attività fisica ristretta nelle mura del tuo locale è abbastanza chiaro che non puoi espanderti, non puoi aggiungere tavoli e non puoi nemmeno aumentare il numero di coperti serviti, in una pizzeria classica più di 2/3 giri di clientela per turno non è possibile fare, sempre ipotizzando che i primi clienti arrivino alle 19 a cena.

Puoi aumentare il tuo fatturato con il delivery dei tuoi prodotti ma a quel punto cosa ti differenzierebbe dai tuoi competitor che si affidano ai diversi servizi di food delivery?

Dove andrebbe a finire l’esperienza unica che i tuoi clienti apprezzano e per la quale scelgono te piuttosto che un’altra pizzeria?

Una procedura standard per scalare la tua attività

La soluzione è standardizzare la procedura che genera il risultato. Ok, forse sei un pò confuso ora, provo a farti un esempio.

Immagina di filmare con una telecamera quello che succede nel tuo locale dal momento in cui un cliente entra al momento in cui esce soddisfatto. In questo video puoi osservare ogni elemento: come viene accolto e portato al tavolo, come viene servito, come viene preparata la sua pietanza in cucina, come e quanta attenzione gli viene data dai camerieri e dal gestore, se paga al tavolo o in cassa, se gli viene offerto qualcosa. Insomma, qualsiasi particolare che descriva l’esperienza del tuo cliente nel tuo locale.

Ora immagina che questo video sia replicabile centinaia, migliaia di volte su qualsiasi cliente, da qualsiasi cameriere, in qualsiasi locale. In poche parole stai duplicando la tua esperienza ovunque tu voglia.

Stai creando una procedura standard ovvero un “elenco di regole“, detto così suona male, da seguire per eseguire il lavoro perfettamente.

Solo standardizzando l’esperienza potrai replicarla.

 

I vantaggi di una procedura standard

Delega

Se nella fase iniziale oltre che della parte di progettazione ti occupi giustamente anche della parte operativa, nel momento in cui vuoi scalare la tua attività è necessario che ti dedichi ai numeri, ai nuovi business plan, soltanto avendo una procedura standardizzata puoi delegare il tuo lavoro a qualcun altro.

Sostituzione

La standardizzazione ti tutela da cambiamenti nel tuo locale: malattia, gravidanza, immagina che per un qualsiasi motivo sei costretto a sostituire uno o più dipendenti. Avere una procedura standard permette a “quelli nuovi” di imparare nel minor tempo possibile, risparmierai tempo e quindi denaro.

Immagina che tutto sia scritto in un libro o ripreso in un video se preferisci, è sufficiente studiare per capire cosa fare, non serve un lungo periodo di affiancamento e se una persona non ricorda qualcosa, non c’è bisogno di chiedere a qualcun altro, è sufficiente consultare il manuale.

Anche se non hai intenzione di scalare la tua azienda perchè sei già soddisfatto, avere delle procedure standard ti protegge e tutela il tuo business. Se non hai procedure non hai un’azienda perchè se i tuoi dipendenti se ne andassero da un giorno all’altro, l’azienda non esisterebbe più.

Espansione

Questo è forse il punto più importante e il motivo per cui stai leggendo questo articolo, non puoi scalare e nemmeno avere un’azienda che funziona senza avere le procedure.

L’errore che molti imprenditori commettono è di aprire un secondo punto vendita e affidarsi ad un buon pizzaiolo o un buon responsabile che si fa carico di tutte le responsabilità. Ma come puoi essere sicuro che questo nuovo punto vendita che porta il tuo nome, proponga ai suoi clienti la stessa esperienza unica del tuo locale? Solo attraverso una procedura standardizzata.

Il valore di un’azienda non è altro che l’insieme delle procedure che la fanno funzionare. Se la tua azienda fattura poco vuol dire che c’è un problema in uno degli anelli dell’ingranaggio.

aumentare il fatturato

Scalare un’attività fisica e aumentare il fatturato

Aprire una catena di franchising

Tutto il discorso sulla standardizzazione è fondamentale per un’espansione in ottica di franchising. La procedura è un libro che sposti da un locale a un altro, stai vendendo a qualcuno le tue conoscenze e competenze per replicarle in un nuovo punto vendita.

Aprire una catena di franchising vuol dire generare nuovi punti di cashflow ma il tuo guadagno deriva dalla vendita del tuo brand, del tuo know-how, dall’affitto del nuovo locale, dalla brand authority che acquisisci soltanto se i clienti si ricorderanno dell’esperienza in qualsiasi tuo punto vendita.

Avviare una carriera da franchisor prevede che la tua attenzione sia focalizzata sui numeri, sulle KPI, sul marketing e la comunicazione del brand.

No franchising, si nuovi punti vendita.

Ipotizziamo che tu non voglia che il tuo brand sia rappresentato da terze persone e preferisci scalare in prima persona la tua azienda aprendo nuovi punti vendita con i tuoi soci utilizzando il tuo capitale e quello degli investitori.

Sebbene inizialmente dovrai comunque occuparti di KPI e business plan, dovrai riuscire a replicare l’esperienza unica anche nei nuovi punti vendita che saranno riconosciuti come locali di tua proprietà, sebbene tu non possa fisicamente essere presente in tutti i locali.

Meglio franchising o nuovi punti vendita per scalare?

Dipende! Sentirai spesso questa risposta.

Sicuramente il franchising ti permette di scalare maggiormente e dovresti valutarlo se il tuo obiettivo principale è solamente aumentare il fatturato e il guadagno della tua azienda.

Al tempo stesso, l’apertura di nuovi punti vendita di tua proprietà ti consente un maggior controllo dell’immagine del brand, una maggiore cura sull’utente al quale offrire una migliore esperienza, valutalo se per te sono aspetti importanti e preferisci che nei tuoi locali ci sia la componente umana piuttosto che un lavoro eseguito roboticamente in larga scala.

Probabilmente la soluzione migliore potrebbe essere una via di mezzo, un franchising limitato su cui puoi mantenere il controllo di qualità assieme ai tuoi soci, in modo che il tuo nome sia sinonimo di qualità ed esperienza ovunque venga replicato.

Se hai ancora domande sull’avvio di un’attività fisica oppure se lo hai già fatto e vuoi raccontarci la tua, entra nella community di Invest Hero dedicata al mondo degli investimenti e dell’imprenditoria.

 

Stefano Picchio on EmailStefano Picchio on FacebookStefano Picchio on InstagramStefano Picchio on Youtube
Stefano Picchio
Imprenditore digitale
Tutto è iniziato nel 2013, momento in cui mi sono interessato al mondo dell'online.
In quegli anni facendo piccoli investimenti di natura finanziaria. Successivamente ho scoperto altri settori di investimento fino a conoscere ed appassionarmi di imprenditoria e digital marketing.
Ora ho uno smart-team di 11 collaboratori sparsi in giro per il mondo con i quali gestisco le mie 3 aziende.

2 Responses

Add a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *